Tel: +39 366.7010357

IL LAVORATORE IN MALATTIA: scatta il licenziamento se il lavoratore viene sorpreso a svolgere altra attività

IL LAVORATORE IN MALATTIA: scatta il licenziamento se il lavoratore viene sorpreso a svolgere altra attività

Avv. Ph.D. Mirco Caeran.

Avvocato del lavoro a Montebelluna (TV) – Avvocato esperto in diritto del lavoro – Avvocato diritto del lavoro Montebelluna (TV) – Giuslavorista – Studio Avvocati – Avvocati esperti in diritto del lavoro – Avvocati Montebelluna – Avvocato Montebelluna – Avvocato del lavoro – Avvocato per lavoro.

 

Ciao a tutti.

Mi è stata posta una domanda da un cliente e vorrei condividere con voi la risposta.

“È legittimo il licenziamento del lavoratore “sorpreso” a prestare altra attività lavorativa (di qualsiasi tipo) mentre è in malattia?”


Per rispondere a questa domanda occorre innanzitutto capire quale sia la funzione del “periodo di malattia” e della relativa indennità che viene corrisposta in parte dal datore di lavoro e in parte dell’INPS (diciamo così, per semplificare all’osso).

Il lavoratore ha il diritto a ricevere ugualmente il proprio stipendio mentre è in malattia.

Si tratta di un meccanismo di assistenza sociale che ha la finalità di permettere ad una persona il recupero psico-fisico del proprio stato di salute senza compromettere le proprie possibilità economiche.

In tal modo una persona non è costretta a scegliere se curarsi/rimettersi in sesto o se lavorare per sopravvivere.

Se questo è il presupposto, è chiaro che ogni attività compiuta nel corso di questo periodo funzionale al recupero psico-fisico, ove ciò impedisca il recupero stesso, è considerata in contrasto con il sistema di assistenza stesso. Inoltre, poiché il datore di lavoro è interessato al pieno recupero del proprio dipendente (non solo per una questione economica ma anche di pianificazione del lavoro), un tale comportamento è in contrasto, in primis, con i principi di lealtà e correttezza che caratterizzano il rapporto di lavoro stesso e, quindi, può comportare il licenziamento.

Di recente, con l’ordinanza n. 26709 del 1.10.2021, la Suprema Corte ha ribadito il proprio orientamento secondo il quale esistono due ipotesi in cui il lavoratore in malattia che svolga un’altra attività può essere ritenuto gravemente inadempiente agli generali di correttezza e buona fede e agli obblighi contrattuali di diligenza e fedeltà nei confronti del proprio datore di lavoro rischiando, quindi, il licenziamento.

Vediamoli.

I casi sono:

1) quando l’attività compiuta sia di per sé idonea a far presumente l’inesistenza della malattia.

In altre parole, quando il compimento di una certa attività dimostri palesemente il fatto che il lavoratore sta simulando di essere malato.

2) quando l’attività sia in grado di peggiorare o ritardare la guarigione o il rientro in servizio. Per capire se ciò possa avvenire, la Corte richiede una valutazione ex ante, ossia precedente all’attività, senza che rilevi che il compimento della stessa abbia o non abbia influito sulla malattia. Ciò che conta è il rischio potenziale.

In altre parole bisogna chiedersi prima di compiere tale attività: “il compimento di tale atto è in grado di peggiorare la malattia o ritardare la guarigione o il rientro in servizio, tenuto conto della mansione svolta e della natura della malattia?”.

Ancora qualche dubbio?

Se sei un lavoratore:

  • Sei stato licenziato?
  • Ti chiedi se esistono gli estremi per impugnare il licenziamento?
  • Temi di poter essere licenziato e vorresti dei chiarimenti?
  • Sei appena stato assunto e vuoi capire quali sono i tuoi diritti?
  • Hai tra le mani una lettera di impegno all’assunzione e vuoi capire se è tutto corretto ciò che ti è stato prospettato
  • Ti hanno cambiato di mansione è vuoi sapere se è legittimo?
  • Vuoi semplicemente saperne di più?

Se sei un datore di lavoro:

  • Vorresti procedere ad uno o più licenziamenti per giustificato motivo oggettivo ma hai paura delle possibili impugnazioni?
  • Vorresti procedere ad un licenziamento collettivo?
  • Hanno impugnato un licenziamento da te intimato?
  • Devi assumere e vuoi capire come inquadrare un nuovo dipendente?
  • Vuoi tutelarti in anticipo da rivendicazioni?
  • Vuoi procedere a riorganizzare il lavoro all’interno della tua attività ma temi di incorrere in problemi con il diritto del lavoro?
  • Vuoi saperne di più sui diritti dei lavoratori e del datore di lavoro?

Per qualsiasi dubbio o chiarimento lo Studio Legale DMP e l’avvocato Mirco Caeran di Montebelluna (TV) possono assisterti anche a distanza e darti la soluzione che cerchi in materia di diritto del lavoro.

Scrivimi una mail senza impegno all’indirizzo info@studiolegaledmp.com, sarò felice di risponderti ed aiutarti.

 

Non dimenticare di commentare o di condividere questo articolo su facebook cliccando sull’icona blu del social network qui in basso. Aiuterai me a raggiungere quante più persone e aiuterai loro a risolvere i propri problemi.

 

Per altri articoli e approfondimenti non dimenticarti di iscriverti alla mia pagina facebook e al mio canale instagram cliccando sulle icone nella parte superiore del mio sito internet.

 

A presto,

un caro saluto

Mirco Caeran (Avv. Ph.D)

SU DI ME                           

Mirco Caeran Avvocato MontebellunaMi chiamo Mirco Caeran, sono un avvocato e dottore di ricerca, fondatore dello Studio Legale DMP (Diritto, Mercato, Persona) sito a Montebelluna (TV). Dopo aver conseguito un Dottorato di Ricerca in diritto Civile, assito privati ed aziende che richiedono un sopporto legale nel mondo del lavoro, della contrattualistica e degli affari. Avvocato del lavoro a Montebelluna. Avvocati a Montebelluna. Avvocato del lavoro. Avvocato per lavoro. Studio Legale a Montebelluna. Diritto del Lavoro.

Summary
IL LAVORATORE IN MALATTIA: scatta il licenziamento se il lavoratore viene sorpreso a svolgere altra attività
Article Name
IL LAVORATORE IN MALATTIA: scatta il licenziamento se il lavoratore viene sorpreso a svolgere altra attività
Description
In questo articolo l'avvocato del lavoro Mirco Caeran a Montebelluna spiega in quale caso lo svolgimento di attività mentre si è in malattia può comportare il licenziamento. Avvocato del lavoro.
Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *