Tel: +39 366.7010357

incapacità, amministrazione di sostegno, avvocato, montebelluna, treviso, studio legale, mirco caeran, curatore, tutore, interdizione, inabilitazione, diritto, famiglia, legge, come fare per, giurisprudenza, diritti

L’INCAPACITA’ NATURALE

FORME DI PROTEZIONE DA PARTE DELL’ORDINAMENTO: INTERDIZIONE, INABILITAZIONE, AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO O INCAPACITÀ?

 

QUALCHE NOZIONE PRELIMINARE.

Per il solo fatto della nascita la persona fisica acquista la capacità giuridica, ovvero l’idoneità ad essere titolare di diritti e doveri, quindi diventa un soggetto di diritto.

Tuttavia, non in tutti i momenti che seguono la nascita la persona fisica è sempre in grado di gestire in prima persona le situazioni giuridiche che le fanno capo (per esempio un neonato o un bambino non hanno certamente questa abilità).

 Ecco perché la legge richiede, oltre alla capacità giuridica, la capacità d’agire, ossia l’idoneità a porre in essere atti negoziali che producano effetti nella propria sfera negoziale, capacità che si acquista con il compimento del diciottesimo anno. Peraltro, può accadere che, nonostante il raggiungimento della maggiore età, ancora la persona fisica non sia in grado di gestire la propria sfera giuridica autonomamente. Ecco perché la legge predispone degli istituti a sostegno di questi soggetti che difettano in tutto o in parte di autonomia, tra i quali molto rilevanti e da non confondere sono l’interdizione, l’inabilitazione, l’amministrazione di sostegno e l’incapacità naturale.

 

INCAPACITA’ NATURALE

Gli istituti fin qui analizzati sono accomunati dal fatto che il soggetto interdetto, inabilitato o amministrato ha una certa area di autonomia, oltre la quale tutti gli atti sono sempre annullabili per il semplice fatto di uscire da tale perimetro formalmente delineato. Quindi, non è in alcun modo rilevante il fatto che, concretamente, il soggetto fosse in grado di comprendere la portata del negozio che stava ponendo in essere.

Al contrario, l’incapacità è proprio caratterizzata dal fatto che un soggetto, seppur normalmente capace d’agire, nel momento in cui realizza un atto negoziale si trova, in concreto, in una situazione di incapacità di intendere o di volere, qualsiasi ne siano le ragioni.

Può trattarsi, peraltro, sia di una causa permanente (per esempio una forma grave di demenza senile), sia transitoria (come uno stato di shock o abuso di alcolici). Ad ogni modo, non deve trattarsi di una qualsiasi anomalia o alterazione delle facoltà psichiche, ma occorre che il soggetto, al momento di compimento del negozio, sia privo in maniera assoluta della capacità di autodeterminarsi ovvero della coscienza dei propri atti.

Il soggetto ha, dunque, la possibilità di impugnare l’atto, se riesce a provare che al momento del suo compimento versava in tale stato di incapacità di intendere e di volere. Se ci riesce, le sorti del negozio dipendono dalla natura dello stesso:

  • Gli atti unilaterali sono annullabili se si dimostra, in primo luogo, che il soggetto era incapace di intendere e volere al momento in cui li ha posti in essere; in secondo luogo, che da tali atti è derivato un grave pregiudizio per l’incapace stesso.
  • I contratti, invece, sono annullabili se, da un lato, il soggetto dimostra di esser stato incapace di intendere e di volere al momento della stipula, mentre dall’altro lato, va dimostrata la mala fede del contraente, il quale cioè si era accorto o avrebbe dovuto accorgersi, utilizzando l’ordinaria diligenza, dell’incapacità.

Ecco che, quindi, anche qui l’ordinamento mette in atto una forma di protezione, che è però rivolta ad un soggetto che, in verità, è perfettamente in grado di curare i propri interessi e infatti è titolare di capacità d’agire. Tuttavia, questa capacità viene meno nella situazione concreta e quindi l’ordinamento non rimane indifferente, ma mette comunque a disposizione una forma di tutela.

 

Un caro saluto

Mirco (Avv. e Ph.D). Avvocato a Montebelluna (TV)

non dimenticarti di commentare, scrivermi a info@studiolegaledmp.com, condividere l’articolo sui social cliccando sul tasto blu di facebook qui sotto (mi aiuterai a raggiungere ad aiutare quante più persone possibile). Se ti è piaciuto l’articolo, infine, nella parte più in alto di questo pagina web trovi le icone di facebook e di instagram per iscriverti a i miei canali social e rimanere aggiornato costantemente sulle mie ultime novità e articoli. 

Infine, se ti è piaciuto il presente articolo forse ti potrebbero interessare anche:

CLICCA QUI – Per sapere che cos’è e in cosa consiste l’amministrazione di sostegno

CLICCA QUI – Per sapere come richiedere da solo e gratuitamente l’apertura di un’amministrazione di sostegno 

CLICCA QUI – Per saperne di più sull’interdizione 

CLICCA QUI – Per saperne di più sull’inabilitazione

 

SU DI ME                             

Mirco Caeran Avvocato MontebellunaMi chiamo Mirco Caeran, sono un avvocato e dottore di ricerca, fondatore dello Studio Legale DMP (Diritto, Mercato, Persona) sito a Montebelluna (TV). Ho dedicato i miei anni del dottorato allo studio del diritto di famiglia e presto tutt’oggi assistenza a privati ed enti che richiedono un sopporto legale per aiutare le persone a superare momenti particolarmente difficili della vita. Il mio desiderio primario è quello di trasmettere la mia conoscenza per permettere ad ognuno di superare le proprie difficoltà

Summary
L'INCAPACITA' NATURALE
Article Name
L'INCAPACITA' NATURALE
Description
L'avvocato di Montebelluna Mirco Caeran, spiega cos'è l'incapacità naturale (di intendere e di volere) e quali sono le sue conseguenze dal punto di vista legale. Lo Studio Legale DMP di Montebelluna offre assistenza e informazioni in materia di diritto di famiglia e tutela delle persone in difficoltà, incapaci, inabilitati o che necessitano di un amministratore di sostegno.
Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *