Tel: +39 366.7010357

incapacità, amministrazione di sostegno, avvocato, montebelluna, treviso, studio legale, mirco caeran, curatore, tutore, interdizione, inabilitazione, diritto, famiglia, legge, come fare per, giurisprudenza, diritti

L’INTERDIZIONE

FORME DI PROTEZIONE DA PARTE DELL’ORDINAMENTO: INTERDIZIONE, INABILITAZIONE, AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO O INCAPACITÀ?

 

QUALCHE NOZIONE PRELIMINARE.

Per il solo fatto della nascita la persona fisica acquista la capacità giuridica, ovvero l’idoneità ad essere titolare di diritti e doveri, quindi diventa un soggetto di diritto.

Tuttavia, non in tutti i momenti che seguono la nascita la persona fisica è sempre in grado di gestire in prima persona le situazioni giuridiche che le fanno capo (per esempio un neonato o un bambino non hanno certamente questa abilità).

 Ecco perché la legge richiede, oltre alla capacità giuridica, la capacità d’agire, ossia l’idoneità a porre in essere atti negoziali che producano effetti nella propria sfera negoziale, capacità che si acquista con il compimento del diciottesimo anno. Peraltro, può accadere che, nonostante il raggiungimento della maggiore età, ancora la persona fisica non sia in grado di gestire la propria sfera giuridica autonomamente. Ecco perché la legge predispone degli istituti a sostegno di questi soggetti che difettano in tutto o in parte di autonomia, tra i quali molto rilevanti e da non confondere sono l’interdizione, l’inabilitazione, l’amministrazione di sostegno e l’incapacità naturale.

 

INTERDIZIONE

L’interdizione è pronunciata con sentenza del tribunale quando dovessero ricorrere congiuntamente (necessariamente tutti contemporaneamente) i seguenti requisiti:

  • Maggiore età, quindi si tratta di un soggetto che teoricamente, avendo compiuto diciotto anni, è dotato di capacità d’agire, tuttavia vi è
  • Infermità di mente, ovvero il soggetto è affetto da una malattia che condiziona profondamente la sua sfera intellettiva, sicché non è in grado di manifestare consapevolmente la propria volontà.
  • Abitualità di tale infermità, nel senso che non deve essere un’infermità transitoria, ma nemmeno è necessario sia continua e costante, essendo ben possibili degli intervalli di lucidità.
  • Tutto ciò porta ad un’incapacità del soggetto di provvedere ai propri interessi, sia economici sia extra patrimoniali (per esempio incapacità di curare la propria salute).

L’insieme di questi fattori comporta la necessità di assicurare al soggetto un’adeguata protezione.

Per quanto riguarda le conseguenze, all’interdetto è impedito il compimento diretto di qualsiasi atto negoziale, che risulterebbe, altrimenti, annullabile. Questo salvo che non si tratti di negozi strettamente necessari a soddisfare le esigenze della propria vita quotidiana, come comprare un giornale o un caffè al bar. Per il resto, la gestione del patrimonio e il compimento degli atti negoziali sono riservati all’attività di un tutore nominato dal giudice stesso, che quindi agisce da sostituto del soggetto interdetto.

 

Peraltro, l’interdizione di cui si è parlato fino ad ora prende il nome di interdizione giudiziale, che si distingue dall’interdizione cosiddetta legale. Quest’ultima è prevista dal Codice penale come pena accessoria ad una condanna definitiva. Per quanto riguarda le conseguenze di questa interdizione, sono sostanzialmente analoghe a quelle dell’interdizione giudiziale, per cui l’interdetto non potrà porre in essere atti dispositivi del proprio patrimonio che, altrimenti, diverrebbero annullabili, per cui viene nominato un tutore. Tuttavia, la differenza con l’istituto dell’interdizione giudiziale è evidente, innanzitutto a partire dalla funzione, che è sanzionatoria; inoltre, molto importante è ricordare che l’interdetto legale è perfettamente in grado di intendere e di volere e in grado di provvedere ai propri interessi.

 

Un caro saluto

Mirco (Avv. e Ph.D). Avvocato a Montebelluna (TV)

non dimenticarti di commentare, scrivermi a info@studiolegaledmp.com, condividere l’articolo sui social cliccando sul tasto blu di facebook qui sotto (mi aiuterai a raggiungere ad aiutare quante più persone possibile). Se ti è piaciuto l’articolo, infine, nella parte più in alto di questo pagina web trovi le icone di facebook e di instagram per iscriverti ai miei canali social e rimanere aggiornato costantemente sulle mie ultime novità e articoli. 

Infine, se ti è piaciuto il presente articolo forse ti potrebbero interessare anche:

CLICCA QUI – Per sapere che cos’è e in cosa consiste l’amministrazione di sostegno

CLICCA QUI – Per sapere come richiedere da solo e gratuitamente l’apertura di un’amministrazione di sostegno 

CLICCA QUI – Per saperne di più sull’incapacità

CLICCA QUI – Per saperne di più sull’inabilitazione

SU DI ME                             

Mirco Caeran Avvocato MontebellunaMi chiamo Mirco Caeran, sono un avvocato e dottore di ricerca, fondatore dello Studio Legale DMP (Diritto, Mercato, Persona) sito a Montebelluna (TV). Ho dedicato i miei anni del dottorato allo studio del diritto di famiglia e presto tutt’oggi assistenza a privati ed enti che richiedono un sopporto legale per aiutare le persone a superare momenti particolarmente difficili della vita. Il mio desiderio primario è quello di trasmettere la mia conoscenza per permettere ad ognuno di superare le proprie difficoltà

 

Summary
L'INTERDIZIONE
Article Name
L'INTERDIZIONE
Description
L'avvocato di Montebelluna Mirco Caeran, spiega cos'è l'interdizione, quali sono i poteri del tutore e come fare per richiederla. Lo Studio Legale DMP di Montebelluna offre assistenza e informazioni in materia di diritto di famiglia e tutela delle persone in difficoltà, incapaci, inabilitati o che necessitano di un amministratore di sostegno.
Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *